DIECI GIORNI senza SCHERMI...

 ... Che sfida!!!

di   Donata Forlenza, Antonio Rota, Massimo Navone
con Donata Forlenza e Antonio Rota
regia di Massimo Navone

«Secondo uno studio statistico, in un anno, un bambino di otto anni passa ottocentocinquanta ore a scuola e milleduecento davanti a uno schermo… Gli adulti guardano in media la televisione più di tre ore al giorno… quindi a ottant’anni  avranno passato sedici anni della loro vita davanti a uno schermo!»

Sophie Rigal-Goulard, Dieci giorni senza schermi

10 giorni, 240 ore, 14400 minuti, 864 000 secondi…
senza schermi!!!
10 9 8 7 6 5 4 3 2 1…. IO CE LA POSSO FARE!
… Ce la posso fare! Ce la devo fare!

Sì, ma provate voi a stare 10 giorni senza schermi! E provate voi ad immaginare un’intera classe che un giorno decide di aderire con un vero e proprio referendum alla proposta della maestra: “rimanere 10 giorni senza schermi”, dieci giorni senza mettere uno schermo davanti agli occhi. Niente televisione, computer, tablet…e  ovviamente niente cellulare! Una vera e propria sfida!
Lo spettacolo racconta la storia vera di 26 ragazzini di 10 anni, un ‘intera classe, che questa sfida l’ha accolta sul serio. Ce la faranno? Quello che è certo è che… dopo dieci giorni senza schermi niente è più come prima!

Lo spettacolo nasce da un costante lavoro nelle scuole a contatto diretto con bambini/e e ragazzi/e e in particolar modo prende le mosse da un laboratorio teatrale condotto in una classe quarta di una Scuola Primaria di Milano.

In un’era di nativi digitali - la cosiddetta “Generazione Touch” - capaci di relazionarsi con naturalezza con le nuove tecnologie e in un mondo di adulti che dipendono sempre più dagli schermi, lo spettacolo, lontano da approcci moralistici, offre un’occasione divertente per riflettere sul posto che gli schermi occupano nella nostra vita. Solo sviluppando consapevolezza («Ho capito che la vita non è uno schermo punto e basta»), si può padroneggiare gli schermi e non subirli passivamente… «Adesso sono io il re e li comando e li accendo come voglio!».

SPETTACOLO PER BAMBINI/E E RAGAZZI/E DAGLI 8 AI 12 ANNI

 

 

 

 

HOME

seguici anche su

FaceBook Flickr